Home»FOOD»LA SCARPETTA

LA SCARPETTA




LA SCARPETTA

“Uno splendido disastro”, come il titolo del romanzo di Jamie McGuire.

Dal Dizionario Treccani online (s.v. scarpetta): «raccogliere il sugo rimasto nel piatto passandovi un pezzetto di pane infilzato nella forchetta, o più comunemente tenuto tra le dita». Il Grande Dizionario della Lingua Italiana dà il 1987 come data di prima attestazione della locuzione nell’italiano scritto.

Detto ciò, ognuno di noi subisce senza filtri, la tentazione di fare scarpetta, vero Italian food style. A tavola, siamo però turbati dai sensi di colpa, dai dilemmi sul galateo, dalle coscienze di un angioletto e diavoletto che ci spuntano sulle spalle mentre fantastichiamo un ménage à trois, sugo – pane- dita. Aspettatevi però ripensamenti fino all’ultimo istante, nonostante spesso sia quasi impossibile resistere. Tutto dipende dal contesto in cui ci si trova, ma alla fine siamo un po’ tutti ribelli e si sa, al disastro c’è sempre rimedio, c’è il tovagliolo. Mi raccomando però, il suo posto è sulle gambe, un gesto di cortesia che si fa alle persone con cui si sta mangiando per non infastidirle con la sua vista il vicino. Non deve essere annodato al collo, o tenuto con la mano sul petto. Lo vuole il galateo. La scarpetta, ricordo incantato legato al sorriso compiaciuto delle nonne e dimostrazione più bella di felicità. Ma si sa che la vita può cambiare in un attimo, infatti, uno shcoppolone ben dato, era la dimostrazione più bella di affetto per aver pulito la bocca con la tovaglia.

Foto https://www.instagram.com/marysol_life/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUIMI SU INSTAGRAM

EAT VOILA P.IVA 01659730087 | Powered by Esedigital
×